Home >> Arte da salvare >> Restauri in corso d'opera >> Greta Garbo di Titina Maselli >> Restauro: una questione di prospettiva
 Rossella Lari restaurando Greta Garbo

Rossella Lari restaurando Greta Garbo

Restauro: una questione di prospettiva

SHARE
Facebook
Twitter
La Garbo di Maselli intimidisce, una volta all'interno dello studio di restauro di Rossella Lari. Oltre a conquistare un discreto successo sulla scena artistica romana, Maselli era anche un’avventurosa collezionista d'arte. Acquistò opere di giganti stranieri come Cèzanne, Van Gogh, Gauguin, Henry Moore e collezionò quadri italiani di successo, come Martini, Burri e Fontana. Come si paragona il suo lavoro con quello degli artisti che amava? Questa citazione ci fornisce un indizio: "Un quadro appare in un istante, si vede in un attimo…vorrei che i miei quadri fossero chiari come quelle scene che Chaplin ripete decine di volte, per accertarsi di essere capito…io cerco sempre di rendere le cose nel modo più chiaro e più iperbolico possibile…" Maselli descrive la sua esperienza come artista donna, che lavora nell'Italia del dopoguerra, nel seguente modo: "[Sulla lotta di sesso] non posso rispondere. Non ho mai vissuto [questo problema] né come vittima né come sensorialità. Non l’ho mai vissuto."