Home >> Arte da salvare >> Arte in palpitante attesa
   Partnership relations, Jane Adams, visionando 'Arte in attesa' nei musei di Firenze.   
 Normal 
 0 
 
 
 14 
 
 
 false 
 false 
 false 
 
 IT 
 X-NONE 
 X-NONE 
 
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
 
 
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
       
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
      /* Style Definitions */
 table.MsoNormalTable
	{mso-style-name:"Tabella normale";
	mso-tstyle-rowband-size:0;
	mso-tstyle-colband-size:0;
	mso-style-noshow:yes;
	mso-style-priority:99;
	mso-style-qformat:yes;
	mso-style-parent:"";
	mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
	mso-para-margin:0cm;
	mso-para-margin-bottom:.0001pt;
	mso-pagination:widow-orphan;
	font-size:11.0pt;
	font-family:"Calibri","sans-serif";
	mso-ascii-font-family:Calibri;
	mso-ascii-theme-font:minor-latin;
	mso-fareast-font-family:"Times New Roman";
	mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
	mso-hansi-font-family:Calibri;
	mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Partnership relations, Jane Adams, visionando 'Arte in attesa' nei musei di Firenze.

Arte in palpitante attesa

SHARE
Facebook
Twitter
Conosci le opere fiorentine che aspettano di essere "salvate" e ricordate. Questo 'Menu' di arte 'speranzosa' presenta vari dipinti di donne che necessitano di restauro a Firenze. Non sono ancora al centro di un progetto completo... ma questo può cambiare, con l’aiuto dei nostri amici!

La fondazione AWA raccoglie annualmente i progetti presentati dai direttori dei musei della Toscana, per la valutazione da parte del nostro Consiglio di Amministrazione. L'interesse dei donatori e delle partnership di finanziamento sono fondamentali per lo sviluppo dei nostri programmi futuri.

Uno di questi dipinti tocca le corde del tuo cuore?
Scrivi a Jane Adams, partnership relations: jane.adams@advancingwomenartists.org

Non vediamo l'ora di scambiare idee per il futuro!

Dipinti di Violante Ferroni scoperti recentemente

Tesori del diciottesimo secolo di una donna fiorentina che dipinse "la peste".
 

Maria van Oosterwyck
 

Come riuscì la Oosterwyck a rompere le consuetudini?
 

Antonietta Brandeis
 

Diffondeva le sue opere sotto lo pseudonimo di “Antonio” non volendo essere celebrata perché artista donna.

Il San Francesco di Anna Piattoli
 

Per Anna Piattoli l’arte era una “questione di famiglia”.