I creatori del Fondo per la Difesa dell'Arte Margaret MacKinnon e Wayne McArdle con la 'doppiamente' adottante Beverley McLachlin.

I creatori del Fondo per la Difesa dell'Arte Margaret MacKinnon e Wayne McArdle con la 'doppiamente' adottante Beverley McLachlin.

Chi è coinvolto

SHARE
Facebook
Twitter
Mentre l'appello per adottare uno degli undici apostoli santi, nella pittura magistrale di Plautilla Nelli dell'Ultima Cena, era incontestabile, meno certo era che Giuda Iscariota, l'apostolo non così santo, avrebbe trovato altrettanta accoglienza. Il membro dell’IA Council, Margaret MacKinnon, ci racconta la storia.

“Mio marito Wayne McArdle ed io, lo vedevamo come un imputato impopolare in un processo penale. Per quanto sgradevole fosse il suo personaggio o nefaste le sue (presunte!) azioni, Giuda aveva diritto ad un processo equo e ad una piena difesa. E così è stato creato il Fondo per la Difesa dell’Arte (Art Defence Fund . ADF) per Giuda. Piuttosto che cercare un'anima coraggiosa per salvare Giuda, cercammo dieci difensori disposti, collettivamente, ad affrontare il caso di Giuda. Non è un caso che questa intuizione si sia verificata nel febbraio di quest'anno, durante un incontro tra eminenti giudici e avvocati al Gray's Inn di Londra, dove abbiamo festeggiato l'illustre carriera del capo della Corte Suprema Beverley McLachlin, che si era appena ritirato dopo lunghi anni di servizio alla Corte Suprema del Canada. Come regalo di pensionamento, Wayne e io avevamo adottato Giuda Taddeo, più comunemente chiamato San Giuda, in onore del Capo della Giustizia McLachlin. Dopodiché, ci siamo concentrati sugli "altri Giuda".

A sei mesi dall'evento al Gray's Inn, siamo ora in grado di rispondere alla domanda "chi vorrà adottare Giuda?" In termini puramente numerici la risposta è: undici generosi donatori - otto donne e tre uomini - provenienti da quattro paesi e tre continenti, di età compresa tra 45 e 95 anni.”

Qualche parola su di loro:

Coincidentemente, Beverley Mclachlin aveva assistito a un risveglio del musical Jesus Christ Superstar non molto tempo prima che venisse a conoscenza dell'ADF. Era stata colpita dall'ambivalenza del personaggio di Giuda. Quando Cristo lo spinge a 'farlo - stanno aspettando', risponde Giuda, 'tu vuoi che lo faccia! Cosa accadrebbe se restassi qui a rovinare la tua ambizione?' 'Ho iniziato a guardare Giuda sotto una nuova luce,' dice Beverley. 'L'ho visto come un personaggio più sfumato e meno come un cattivo del dramma.'

Allo stesso modo, la storica e scrittrice britannica Sarah Dunant è stata istintivamente attratta dalla drammatica tensione della storia del tradimento di Cristo e dal ruolo cruciale che Giuda ha svolto nel mettere in moto gli eventi che hanno portato non solo alla crocifissione - ma anche alla salvezza dell'umanità attraverso la resurrezione.

Per l'avvocato inglese Nicholas Davidson, il Fondo per la Difesa dell’Arte rappresentava una perfetta applicazione della regola del 'Cab Rank' - secondo cui i penalisti, come i tassisti, sono obbligati a prendere il prossimo cliente in coda. Quale avvocato difensore non ha, in un certo momento, assunto un cliente poco raccomandabile o un caso traballante, tutto a sostegno del principio di giustizia? L'ADF ha ricevuto l’appoggio di altri sostenitori legalmente qualificati, come Ingrid Furtado, un avvocato sudafricana che ora vive a Londra, e Susan Mazza che da qualche tempo risiede a Firenze, che e da poco ritiratasi dagli studi legali in California.

Il supporto per Giuda proviene anche da vecchi amici di AWA come lo specialista di viaggi e autore Mark Gordon Smith, ed Elizabeth Negrey, membro del Consiglio consultivo internazionale di AWA. Mark, della Carolina del Nord, è stato un sostenitore generoso della campagna di crowdfunding The FirstLast, cavalcando come un cavaliere bianco all'undicesima ora con un contributo significativo per assicurare che la campagna raggiungesse il suo obiettivo. Elizabeth è stata una sostenitrice di molti progetti e un forte appoggio nella missione di AWA. L'ADF era solo un'ulteriore opportunità per mostrare il loro impegno costante.

Al contrario, Brenda Schneider e sua figlia Jennifer Schneider si sono solo recentemente convertite alla causa di AWA, ma non per questo sono meno ferventi. Mentre partecipavano ad un evento di beneficenza in Italia ad agosto, Brenda e Jennifer sono state introdotte ad AWA da Jane Adams, la Relations Relations Manager di AWA, ed hanno conosciuto l’Ultima Cena di Nelli e il Fondo per la Difesa dell’Arte. Entrambi hanno colto l'occasione per sostenere AWA e lo storico dipinto di Nelli, unendosi all'ADF. Quel momento in cui scopriamo che esistono così tante donne invisibili e che c'è un'organizzazione dedita a dare voce a quelle donne - è una cosa familiare a tutti noi di AWA.

Tra i motivi per cui il banchiere canadese, Michael Furtado (marito di Ingrid) ha scelto di aderire all'ADF, c’è stato il pensiero di poter portare le sue due giovani figlie a vedere il dipinto completato, al Museo di Santa Maria Novella. All'altro estremo della fascia di età, la componente più anziana dell'ADF, la 94enne Monica Martin, un’altra canadese, non è più in grado di fare viaggi transatlantici (anche se l'età non le ha impedito di guidare da Toronto a Las Vegas solo un paio di anni fa per giovare alle slot!) Monica ha ricordato un viaggio a Venezia di circa cinquanta anni fa, in visita a chiese piene di dipinti di Tiziano, Tintoretto, Bellini... 'Tutti uomini!' disse, 'Non una donna.' Fu molto felice di poter aiutare a portare l'Ultima Cena di Nelli fuori dai depositi per essere restaurata ed esposta nel posto che gli compete, accanto ad altre grandi opere del Rinascimento.

A tutti i nostri generosi membri dell'ADF: grazie di cuore.