I creatori del Fondo per la Difesa dell'Arte Margaret MacKinnon e Wayne McArdle con la 'doppiamente' adottante Beverley McLachlin.

I creatori del Fondo per la Difesa dell'Arte Margaret MacKinnon e Wayne McArdle con la 'doppiamente' adottante Beverley McLachlin.

Chi è coinvolto

SHARE
Facebook
Twitter
Non c'è niente di meglio che abbinare la storia di "persone reali" con la storia rinascimentale di Nelli. Nelli gestiva un fiorente laboratorio di pittura in un momento in cui non era contemplato che dei gruppi organizzati di donne potessero generare reddito. Per dipingere l'Ultima Cena, Nelli ha lavorato con le suore che lei stessa formava, e il dipinto mostra di essere stato eseguito da diverse mani pittoriche, come avveniva per la maggior parte dei capolavori generati dalla bottega nel 1500. Anche il suo restauro è oggi uno sforzo collettivo!

Ecco uno sguardo ai partecipanti al Fondo per la Difesa dell’Arte. Speriamo che vi unirete a loro. Noi di AWA siamo felici di vedere lo sviluppo di questo crescente sforzo di gruppo... La figura di Giuda merita di essere salvata.

L'Art Defense Fund è stato concepito come un progetto che si rivolge in particolare ai membri della professione legale, la cui formazione include il principio che chiunque sia accusato di aver commesso un illecito merita un processo equo e la migliore difesa possibile. Ma sembra che la figura di Giuda attragga altri difensori, non solo quelli con un background in giurisprudenza.

Il primo membro a inaugurare l'ADF è stata Sarah Dunant, storica britannica, conduttrice e autrice di best-seller. Sostenitrice di vecchia data di AWA, Sarah ha scelto di sostenere Giuda in riconoscimento della sua parte centrale nella storia dell'Ultima Cena. È impossibile immaginare la storia della morte e resurrezione di Cristo senza includere Giuda e il suo ruolo nello svolgimento del dramma.

La seconda donatrice dell'ADF è un'insegnante canadese in pensione, Monica Martin. A quasi 94 anni, la signora Martin è lo sponsor più anziano di AWA. Ha dedicato la sua vita lavorativa all'insegnamento nelle scuole superiori di scienze economiche, matematica ed economia aziendale. È facile immaginare che presiedesse la sua classe con la stessa autorità e maestria con cui Nelli gestiva il suo laboratorio del convento.

Beverley McLachlin, la prima donna a capo della Corte Suprema del Canada, è un'altra recente sostenitrice dell'ADF. San Giuda Taddeo di Nelli fu adottato in onore di Beverley in occasione del suo ritiro dalla Corte. Ora sta sponsorizzando anche l'Altro Giuda, una figura il cui carattere complesso e le sue motivazioni conflittuali sono spesso trascurate.

Residenti a Londra, Michael Furtado, un banchiere canadese, e sua moglie Ingrid, un avvocato del Sud Africa, stanno anche prestando il loro sostegno al restauro dell'Ultima Cena di Nelli per assicurarsi che riprenda il suo posto nella storia insieme ad altre grandi opere d'arte del Rinascimento. Non vedono l'ora di portare le loro due figlie a Firenze per vedere il dipinto 'di persona' quando sarà completamente restaurato ed esposto nel Museo di Santa Maria Novella.

Un nuovo sostenitore dell'ADF, Nicholas Davidson, QC, ammette che, mentre non si aspettava di trovarsi a sponsorizzare Giuda Iscariota, considera del tutto appropriato che un avvocato inglese assuma la difesa di Giuda in conformità con la regola della "stazione dei taxi", secondo cui gli avvocati, come i tassisti, sono obbligati a prendere il prossimo cliente in coda, non solo senza discriminazioni, ma indipendentemente da qualsiasi credenza si possa avere riguardo al suo carattere o alla sua reputazione, o ai fatti. Come lo stesso Nicholas riconosce, "come se tutti i miei clienti fossero stati rispettabili" ...o di chiunque altro.