Home >> Arte da salvare >> Restauri in corso d'opera >> Interno con figure di Vittoria Morelli >> Un artista professionista... su piccola scala
 Chiara Mignani nello studio di restauro con il dipinto della Morelli

Chiara Mignani nello studio di restauro con il dipinto della Morelli

Un artista professionista... su piccola scala

SHARE
Facebook
Twitter
In cosa aveva maggior esito Vittoria Morelli? Benché le sue opere di pittrice fossero ampiamente apprezzate, Morelli era capace di guadagnarsi da vivere principalmente come illustratrice di libri per bambini. La storica dell'arte Lucia Mannini spiega le tendenze a Firenze all'epoca della Morelli. "Si dovranno attendere soprattutto gli anni Trenta per registrare significative presenze, tra le protagoniste dell’immediato dopoguerra sono da annoverare sicuramente le illustratrici, vuoi perché a Firenze l’editoria e l’industria del libro avevano un peso rilevante, vuoi perché quello dell’illustrazione era percepito quale un àmbito convenientemente appartato e defilato, un esercizio creativo da svolgersi entro il perimetro di casa. Campo privilegiato di creazione sarà dunque l’editoria per l’infanzia, opportunità per narrare di quel mondo domestico di edificanti vicende di fanciulli ed esorcizzarne l’edulcorata reclusione […]."

Testi della Mannini, da: "'Non si direbbe trattarsi di una donna'. Artiste a Firenze tra le due guerre."