Home >> Arte da salvare >> Restauri in corso d'opera >> La 'Crocifissione' di Nelli >> La Crocifissione – 5 punti importanti
Founder Jane Fortune in Pitti storeroom admiring Oosterwych’s work

La Crocifissione – 5 punti importanti

SHARE
Facebook
Twitter
Cosa devi di sapere sulla Crocifissione di Nelli? Questa panoramica spiega perché questo dipinto deve essere salvato.

  • Plautilla Nellli fu la prima pittrice riconosciuta a Firenze e quest’opera è la prima Crocifissione di grandi dimensioni realizzata da un’artista donna. Nelli è una delle poche artiste del suo tempo che ha affrontato la pittura di soggetti religiosi di grandi dimensioni.

  • Creata nel 1570, rappresenta un raro caso di donne che commissionano opere d'arte ad altre donne. Suor Arcangela Viola, priora di Santa Caterina da Siena, commissionò la lunetta come conseguenza delle proprie visioni spirituali.

  • Pochi dipinti di donne, all’epoca di Nelli, raffiguravano il corpo maschile nudo o seminudo, poiché erano state bandite dagli studi sull’anatomia. Plautilla ereditò i disegni di Fra Bartolomeo ed era un’avida collezionista d'arte che possedeva molteplici opere sulle quali studiava, tra cui uno schizzo del 'Cristo Risorto' di Michelangelo.

  • Con un disperato bisogno di restauro, questo dipinto è rimasto ignoto al pubblico per secoli. Dopo la chiusura del Monastero della Certosa, ora tornerà sotto i riflettori del museo, in un ambiente simile alla sua casa originaria.

  • I contemporanei di Nelli pensavano che le sue opere fossero intrise di spiritualità. La Crocifissione è uno di questi esempi. Molte famiglie nobili volevano i dipinti di una 'pia donna' nelle loro cappelle private, e questo è uno dei motivi per cui fu così popolare.