Apostolo in attesa d’identità

Lavori d’indagine

SHARE
Facebook
Twitter
Non tutti gli apostoli hanno un nome. Col suo attuale restauro l’Ultima Cena di Plautilla Nelli viene per la prima volta approfonditamente studiata. Per individuare le identità delle figure del quadro stanno lavorando insieme i curatori del Museo di Santa Maria Novella, i frati domenicani dell’attiguo omonimo convento e la nostra restauratrice Rossella Lari. Il Cenacolo di Leonardo da Vinci può venir preso come orientamento in quanto gli studiosi ritengono che la pittrice, che probabilmente ne conosceva una copia su incisione, ne abbia imitato almeno in parte l’ordine dei personaggi. Alcuni degli apostoli ripropongono l’iconografia classica: San Giovanni è abbracciato dal Cristo e San Tommaso si fa riconoscere per l’indice puntato verso l’alto. Ma che ne è degli altri? Molti dei loro nomi non sono chiari. Ciò significa che, adottando un apostolo sconosciuto, si farà insieme a lui parte di una ricerca appassionante che assimila il lavoro di restauro all’indagine di un detective.