Alice Vogler

SHARE
Facebook
Twitter
'L’amicizia e l’amore per l’arte'

Sebbene Alice Vogler avesse visitato Firenze diverse volte negli anni passati, si innamorò della città vivendoci durante il periodo sabbatico di suo marito David nel 1998-9. Due eventi di quell’anno la portarono al suo coinvolgimento con AWA: Il primo fu a dicembre, quando Jane Fortune e Bob Hesse arrivarono e invitarono tutti a passare la vigilia di Natale con loro. Il secondo fu in aprile, quando arrivò la loro amica Lynne Wisneski. Lynne aveva appena ottenuto una laurea in storia dell'arte e venne non solo in visita, ma anche per osservare ciò che aveva studiato. Insieme, lei e Alice fecero il pieno di musei e chiese, nel tempo limitato che avevano. Lungo la strada, Lynne ha insegnato ad Alice la gioia di guardare l'arte. Jane e Bob la menzionano in segno di apprezzamento.

Una volta tornati a casa nel Massachusetts, Alice e David sentirono la mancanza di Firenze, così nel 2002, vi acquistarono un appartamento, raggiungendo Jane e Bob. Lynne continuò le sue visite annuali.

Quando Jane fondò AWA e chiese ad Alice di far parte del consiglio di amministrazione, fu felice di accettare, ritenendo che il lavoro di AWA fosse importante non solo per il sostegno al restauro artistico, ma anche per il fatto di mettere in luce le donne dell’arte. Nella sua vita professionale come avvocato, Alice è stata la prima donna a collaborare in uno studio legale di Boston. Ha sperimentato in prima persona la sensazione di essere "invisibile" in una stanza di avvocati maschi, e crede che sia tempo di far luce sulle realizzazioni delle donne, specialmente in campo artistico.

Serendipitosamente, con il fine di conoscere Firenze durante quel magico anno sabbatico, David, Alice e il loro figlio Bill trascorsero ogni sabato a vedere una diversa Ultima Cena. Ciò ha dato loro il vantaggio di visitare diverse parti della città e di poter apprezzare il modo in cui ogni artista vedeva la stessa scena. Quanto è appropriato, quindi, che Alice adotti un apostolo, in particolare uno che era stato fuori dalla vista del pubblico durante la loro ricerca sull’Ultima Cena. Sia David che Lynne si sono arresi al cancro. Per il suo contributo, Alice ha scelto San Giacomo perché quello era il secondo nome di suo marito. Dedica la sua donazione alla memoria di Lynne Wisneski, che le ha insegnato tanto sull'amicizia e sull'amore per l'arte.
 Una preziosa foto di Alice e della sua famiglia durante il loro 'magico' anno a Firenze.

Una preziosa foto di Alice e della sua famiglia durante il loro 'magico' anno a Firenze.