Home >> Chi siamo >> Uno spazio tutto loro

Volontari AWA all'inaugurazione della mostra toscana su Pincherle e Picini nel 2016.

Uno spazio tutto loro

SHARE
Facebook
Twitter
AWA cerca volontari che collaborino al Museo Virtuale Mondiale delle Donne Artiste. La sede AWA di Firenze accetta in questo momento volontari per la ricerca 'Uno spazio tutto loro'. Ideato dalla fondatrice di AWA Dr. Jane Fortune, sotto la direzione di Heidi Gealt, ‘Uno spazio tutto loro’ mette insieme i soci fondatori, Advancing Women Artists e The Sidney and Lois Eskenazi Museum dell'Università dell'Indiana, per compilare il più grande e completo database e sito web, attraverso i quali sia possibile accedere alle informazioni sulle donne artiste del periodo 1500-1800. Il database, che è iniziato come programma pilota negli Stati Uniti nel 2017, fornirà opportunità di pubblicazione online supervisionate da un comitato di redazione che accrediterà il lavoro degli studiosi, favorendo così nuove ricerche su molti artiste dimenticate. L’Indiana University, l’Indiana University Press e il Digital Humanities, sono tra i principali attori del progetto. 'Uno spazio tutto loro' si concentra sulle partecipazioni nei musei (in particolare in Europa e Nord America), ma le informazioni riguardanti i collezionisti privati e le opere di donne artiste da loro possedute, saranno disponibili anche sul sito web. I dati sulle donne artiste saranno ricondotti alle istituzioni che detengono le loro opere, in modo che il progetto formi una rete attiva di associazioni focalizzate a portare più consapevolezza sull'arte delle donne storiche. AWA ha ospitato un programma di ricerca di volontariato per diversi anni, dal 2019 si concentrerà esclusivamente su 'Uno spazio tutto loro'.

Volontariato a Firenze

Il nostro programma di ricerca di volontari a Firenze si concentra su detentori di opere e artisti italiani

A chi si rivolge

Learn the ‘nuts and bolts’ of it.

F.A.Q.

A few more answers for the enquiring mind.

Dando voce ad artiste storiche, AWA salva e recupera la "metà nascosta" dell'arte di Firenze.

Testo alternativo
Testo alternativo
Testo alternativo